Lo Chef

Sono un uomo fortunato, uno di quelli che ha trasformato la passione in lavoro e lo fa ogni giorno con lo stesso entusiasmo.

Sono un cuoco italiano, uno chef che crede nella cultura dell’alimentazione, nella qualità e stagionalità dei prodotti e ricercatezza dei piatti

Nicola Batavia Chef

‘L Birichin è da oltre 20 anni il laboratorio creativo di Nicola Batavia, chef e patron che, assieme al suo locale, è diventato parte della storia della città di Torino e della cucina piemontese.

Perché dal suo Piemonte, dalla sua Torino, Nicola Batavia sempre parte, e proprio in Piemonte e a Torino sempre ritorna. Anzi, al Birichin!

Lo chef Batavia ha mosso infatti i primi passi all’Istituto Alberghiero cittadino, per poi formarsi a Londra dove ha lavorato per molti anni nelle cucine dei più prestigiosi ristoranti della City. Alla fine degli anni 80 rientra in Italia e inizia la sua storia di ristoratore, il cui clou è appunto ‘L Birichin.

Qui elabora e propone, evolvendola e perfezionandola sempre di più nel corso degli anni, una cucina dal cuore mediterraneo e dall’anima internazionale, in cui la creatività e la fantasia si innestano perfettamente nelle tradizioni piemontese e italiana, ricorrendo a ingredienti, tecniche, intuizioni e accostamenti dalle origini più varie, dall’Oriente, al Sudamerica, senza dimenticare il patrimonio gastronomico delle grandi scuole di cucina europee. Grazie a questo continuo impegno di ricerca, ideazione ed esecuzione, nel 2006 Nicola Batavia consegue, con il suo Birichin, la stella Michelin. Nel febbraio dello stesso anno arriva l’esperienza come responsabile del food & beverage della Nike VIP House ai Giochi Olimpici Invernali 2006, che si svolgono proprio a Torino. La sua cucina è perfetta per l’alimentazione degli sportivi: fantasiosa e nutriente, leggera e salutare. Tanto che lo chef Batavia viene viene richiamato altre due volte dalla Nike, per la prestigiosa edizione dei Giochi di Pechino del 2008 e a Londra, nel 2012.

Negli anni lo Nicola Batavia continua a girare per il mondo per conoscere culture, tradizioni gastronomiche e ingredienti e per portare avanti, con inesauribile entusiasmo e la consueta passione, un’attività di ambassador del Made in Italy, come consulente per l’apertura di ristoranti e locali di cucina italiana e come conferenziere sui temi della cultura alimentare mediterranea e della tradizione culinaria del Belpaese, gustosa e sana.

Tutto questo va ad arricchire costantemente il suo bagaglio di ispirazioni e conoscenze, che poi riversa nel menu del Birichin, in costante trasformazione perché specchio della vulcanica creatività del suo Chef.